Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

In collaborazione con:
Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno; Dipartimento di SAGAS Università di Firenze; Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato; Mannori & Associati – Geologia Tecnica Pistoia; Studio Associato Il Laboratorio Firenze.

Responsabile scientifico: Margherita Azzari
Ricercatori: Fulvio Landi, Camillo Berti, Pauline Deguy, Mattia Michelacci

Indagine multidisciplinare incentrata sul ruolo che l’acqua ha avuto nelle trasformazioni del territorio della città di Pistoia, influenzando scelte insediative e produttive nel lunghissimo arco temporale compreso tra pliocene ed età contemporanea e lasciando tracce ancora oggi visibili nel paesaggio. Tale aspetto, fin dove cronologicamente possibile, è stato analizzato secondo l’approccio della ricerca storico geografica, altrimenti facendo affidamento su una serie di studi e modellizzazioni di taglio geologico ed archeologico.
La ricostruzione 3D degli antichi paesaggi individuati intende così evocare i tratti salienti delle trasformazioni del territorio pistoiese, con particolare attenzione alla piana, che è stata, di fatto, “disegnata” dalle acque: quelle dell’antico lago, dei corsi d’acqua che l’hanno colmata con le proprie alluvioni, dei canali e delle gore costruiti dall’uomo. La linea del tempo è stata quindi suddivisa in sei periodi, privi di cesure nette, ponendo l’accento su alcuni degli eventi, o degli interventi, che hanno in qualche modo segnato l’avvio di una nuova fase, lasciando segni profondi nel paesaggio: in tale contesto sono state realizzate sei diverse ricostruzioni virtuali del paesaggio storico pistoiese.
I risultati del progetto sono stati pubblicati in occasione della mostra “Disegni d’acqua. Acque e trasformazioni del territorio” promossa dal Consorzio di Bonifica del Medio Valdarno e inserita nel programma delle manifestazioni di Pistoia Capitale della Cultura Italiana 2017.

Sito della mostra